Amala, come te stesso   Leave a comment

17800a33

Amala, come te stesso

21181906

Eppure ci son donne

che un nome non ce l’hanno,

donne dimenticate

da questa umanità.

0_6fd46_a89dd47d_L

Coperto il loro volto,

da stracci di vergogna,

diritti calpestati

da piedi senza teste.

0_76b77_5743c36a_L

Nascondono segreti

più volte tumefatti,

storie di solitudini,

narrate da silenzi.

68796106_2261502

“Amala, come te stesso”,

potessero ferirsi,

di loro stessa mano,

esseri disumani,

bestiame da macello.

21181906

Che rabbia che mi monta,

vorrei fare giustizia,

quell’urlo non gridato,

m’assorda ogni momento.

Deboli maltrattati,

riceverete venia,

non fosse in questa vita,

nel giorno del ritorno.

Alephs

x5_1

Annunci

Pubblicato 12/03/2012 da mondiparalleli2 in pensieri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: